PREZZO BASSO CON SORPRESA


Warning: Declaration of SLB_Content_Handlers::get() should be compatible with SLB_Base_Collection::get($args = NULL) in /home/w90022/domains/pietropizzardi.com/public_html/wordpress/wp-content/plugins/simple-lightbox/includes/class.content_handlers.php on line 281

Viviamo in un mercato che ci ha abituato al 2×1, ovvero paghi 1 e prendi 2 e, dal 2008, la ricerca del prezzo più basso è un fenomeno dilagante.  Occorre fare attenzione, la Cina, che è un Paese che frequento dal 2006, insegna.

Un prezzo basso è sempre allettante ed è tanta la voglia di “fare un buon affare” che raramente ci si ferma a riflettere: ma come è possibile che questo oggetto costi meno di un analogo oggetto se siamo in un mercato aperto e libero? E’ possibile che esistano margini di guadagno così elevati?

La risposta di un imprenditore e di un costruttore che ha esperienza è:  no !  c’è qualcosa che sfugge. Per fare buoni affari occorre accordarsi con chi compra. Non esistono altre vie e non esistono i clienti che pagano  di più del prezzo più basso che riescono a spuntare utilizzando mille escamotage.

Però c’è sempre chi vuole pagare meno e ancora meno e non c’è limite.

Seguendo questo principio del “cheapest price” il proprietario di questo Marina cinese, di mia conoscenza, ha scelto, senza alcun dubbio, la soluzione “cheaper” (la meno costosa).

Poi, alla festa di inaugurazione del Marina, un gruppo di persone è finito in acqua. Per rara fortuna, nessuno ha avuto conseguenze gravi, solo un bagno fuori stagione.

Fiera bagnata-fiera fortunata. Per fortuna tutti salvi !

Almeno 20 cinesi sono finiti a bagno per il cedimento della passerella d’accesso ai pontili.

Questa immagine fornisce la risposta: il corrimano di questa passerella era, o meglio avrebbe dovuto essere STRUTTURALE.  Così esile, soffre di instabilità, sotto carico si piega e il piano di calpestio cade in acqua

L’instabilità  del corrimano.

Per fortuna vicino alla passerella c’era una piattaforma galleggiante che ha reso possibile un veloce salvataggio dei naufraghi.

L’immagine del giorno dopo chiarisce ogni dubbio. Naturalmente al costruttore si chiederanno i danni e si finirà in un grande litigio dove tutti, comunque, perderanno qualcosa.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.